AVVISO AI CREDITORI AMMESSI AL PASSIVO DI FORM S.P.A. IN AMMINISTRAZIONE STRAORDINARIA

In data 6 marzo 2017, è stato comunicato via PEC ai creditori ammessi al passivo della scrivente Procedura il deposito in cancelleria del primo progetto di ripartizione parziale dell’attivo, come da autorizzazione del 13 febbraio 2017 da parte del Giudice Delegato Dott.ssa Macchi.

La documentazione peritale citata nel predetto progetto sarà resa disponibile ai creditori ammessi al passivo che ne facciano richiesta mediante comunicazione via PEC all’indirizzo as200.2012milano@pecfallimenti.it.

 

Home

La società Form S.p.A. in A.S. (“Form”) è stata attiva nella produzione e commercializzazione di getti in alluminio per l’utilizzo esclusivo nel settore automotive.Nello specifico, l’attività di Formconsisteva, in prevalenza, nella fabbricazione di componenti pressofusi in alluminio (i cosiddetti “getti”) e, in misura inferiore, nella fabbricazione di stampi per la pressofusione utilizzati nella stessa produzione di getti. Una minima parte dell’attività prestata da Form riguardava invece la vendita di rottami.

Con sentenza n. 290 del 22 marzo 2012, il Tribunale di Milano, ha dichiarato lo stato di insolvenza di Form ai sensi dell’articolo 8 della Legge Prodi-bis nominando come Giudice Delegato la Dott.ssa Caterina Macchi e come Commissario Giudiziale il Prof. Alberto Falini.

Successivamente, in data 14 maggio 2012, il Commissario Giudiziale ha depositato presso la cancelleria del Tribunale di Milano la relazione ai sensi dell’articolo 28 della Legge Prodi-bis.
Il 27 giugno 2012 si è aperta la procedura di amministrazione straordinaria della Form ed il 13 luglio 2012 l’Avv. Alessandro Triscornia è stato nominato dal Ministero dello Sviluppo Economico quale Commissario Straordinario della Procedura.

In data 26 settembre 2012 il Commissario Straordinario ha presentato al Ministero dello Sviluppo Economico un programma secondo l’indirizzo di cessione dei complessi aziendali, ai sensi dell’articolo 27 comma 2 lett. (a) della Legge Prodi-bis, volto ad ottenere il recupero dell’equilibrio economico delle attività imprenditoriali mediante la cessione dei complessi aziendali di Form.

Con decreto del 28 febbraio 2013 il Ministerodello Sviluppo Economico, previo parere favorevole del Comitato di Sorveglianza, ha concesso l’autorizzazione all’esecuzione del programma di cessionedei complessi aziendali.

Al termine della procedura di gara per l’acquisto dei complessi aziendali il Ministerodello Sviluppo Economico, mediante decreto prot. n. 0175400,ha dichiarato Albertini Cesare S.p.A. (“Albertini”) quale soggetto aggiudicatario.

In data 31 ottobre 2013 Form ed Albertini hanno sottoscritto il contratto preliminare di compravendita e anticipato affitto dei complessi aziendali che è stato sottoposto a talune condizioni sospensive.

Dopo essersi verificate le predette condizioni sospensive, in data 17 febbraio 2014, nel rispetto del termine previsto per l’attuazione del programma di cessione, Form ed Albertini hanno sottoscritto il contratto definitivo di cessione dei complessi aziendali.

Con l’alienazione dei complessi aziendali Form ha cessato definitivamente la propria attività d’impresa e, pertanto,su richiesta del Commissario Straordinario, in data 11 aprile 2014 il Giudice Delegato ha dichiaratocon decreto la cessazione dell’esercizio dell’impresa ai sensi e per gli effetti dell’art. 73, comma 1, della Legge Prodi-bis.

Alla luce di quanto precede, come previsto dall’art. 73, comma 3, della Legge Prodi-bis l’amministrazione straordinaria di Form è attualmente considerata come procedura concorsuale liquidatoria destinata a proseguire sino al completamento delle attività propedeutiche alla ripartizione finale dell’attivo in favore del ceto creditorio.